HomeAttualitàCon Susteno ed Evopact chiudiamo il ciclo dei materiali da costruzione

Con Susteno ed Evopact chiudiamo il ciclo dei materiali da costruzione

5 Febbraio 2021

Con l’introduzione dei nuovi prodotti Susteno ed Evopact Holcim contribuisce attivamente a porre le basi per un futuro dell’edilizia sostenibile, chiudendo il ciclo dei materiali da costruzione. Susteno ed Evopact sono materiali da costruzione ecologici con un elevato potenziale a livello di sostenibilità. Le offrono vantaggi sia nella produzione dei materiali da costruzione che nella progettazione ed esecuzione di progetti edilizi grazie:

Al risparmio di risorse naturali
Al contenimento dei volumi nelle discariche
Alla riduzione dei gas serra

image



Edilizia innovativa a basso consumo di risorse


Il settore della costruzione con il calcestruzzo si trova davanti a un periodo di svolta: i requisiti in materia di sostenibilità e ambiente e la crescente scarsità delle risorse richiedono delle alternative alla costruzione in calcestruzzo. In qualità di produttore innovativo di materiali da costruzione, Holcim contribuisce attivamente a dar forma a questa evoluzione e con i prodotti Susteno ed Evopact, definisce standard pionieristici per l’edilizia sostenibile.

Essendo un’azienda innovativa, per Holcim è importante sviluppare prodotti conformi ai principi e agli obiettivi concordati per l’attuazione dell’«edilizia sostenibile». Susteno è il primo cemento a basso consumo di risorse (cemento R) in Svizzera a impiegare come additivo di macinazione un granulato misto trattato industrialmente.

Tutti i calcestruzzi della famiglia di prodotti Evopact sono sostenibili basati su Holcim Susteno, che consente di risparmiare risorse, di contribuire in modo significativo all'economia circolare, di risparmiare spazio in discarica e di ridurre l'impatto ambientale grazie alla riduzione di CO2.


image

Il cemento Susteno

Holcim Susteno è un cemento Portland composito svizzero ZN/D 42,5 N certificato conformemente al fascicolo tecnico SIA 2049 composto da clinker di cemento Portland, misto granulare trattato nonché scisto calcinato e gesso. Susteno e il primo cemento a basso consumo di risorse (cemento R) in Svizzera.
image

I calcestruzzi Evopact

Tutti i calcestruzzi della famiglia di prodotti Evopact sono sostenibili e contengono Holcim Susteno, un cemento ecologicamente e tecnicamente di alta qualità ed efficiente a livello di risparmio di risorse. Holcim Susteno apporta un contributo essenziale all’economia circolare, permette di risparmiare spazio in discarica e riduce l’impatto ambientale grazie a una minore quantità di CO2.



Chiudiamo il ciclo dei materiali da costruzione


Susteno è il primo cemento a basso consumo di risorse (cemento R) in Svizzera a impiegare come additivo di macinazione un granulato misto prodotto industrialmente. Avvalendosi dell’impiego del cemento Susteno nei calcestruzzi Evopact, il granulato misto viene riutilizzato in maniera intelligente e sostenibile. In questo modo si chiude il ciclo dei materiali da costruzione, consumando meno risorse, risparmiando spazio nei depositi dei rifiuti e riducendo le emissioni.
Ecco come chiudiamo il ciclo dei materiali da costruzione:


Chiudiamo il ciclo dei materiali da costruzione


1. Smantellamento selettivo


Prima che sorga una nuova costruzione, spesso vengono smantellate vecchie costruzioni. La struttura viene smantellata tenendo conto della valorizzazione dei vari materiali. I materiali contenenti sostanze nocive vengono estratti separatamente e i materiali di smantellamento valorizzabili vengono separati da quelli non valorizzabili. In questo modo si ottiene il maggior tasso possibile di riutilizzo dei materiali di smantellamento, divisi per tipo. In termini quantitativi, i rifiuti edili minerali costituiscono di gran lunga la parte più ampia dei materiali di smantellamento. Vi rientrano anche il calcestruzzo di demolizione e il materiale di demolizione misto. Per calcestruzzo di demolizione si intende il materiale ottenuto dallo smantellamento di costruzioni e pavimenti in calcestruzzo. Il materiale di demolizione misto, invece, è un misto di componenti edili massicci come il calcestruzzo e la muratura in mattone di cotto, mattone silico-calcare e pietra naturale. Entrambi i tipi di rifiuti edili possono essere trattati e riutilizzati.


2. Trattamento per ottenere granulato di calcestruzzo e misto


In seguito allo smantellamento di un’opera edile, i materiali minerali ottenuti (il calcestruzzo di demolizione e il materiale di demolizione misto) vengono sottoposti a un processo di trattamento per ottenere aggregati riciclati (granulato di calcestruzzo o misto). Il trattamento migliora la separazione per tipo e garantisce la rimozione di sostanze contaminanti e/o nocive. All’inizio del processo di trattamento, il calcestruzzo o il materiale misto di demolizione pre-sminuzzato durante lo smantellamento viene setacciato grossolanamente e quindi nuovamente sminuzzato. In questo modo otteniamo aggregati con la miglior granulometria e forma del grano possibile ed è possibile rimuovere sostanze estranee e contaminanti come i componenti solforosi. I materiali di smantellamento sminuzzati vengono quindi setacciati finemente, suddividendoli in cosiddette classi granulometriche, e possono essere utilizzati per la produzione di calcestruzzo da aggregati riciclati al posto della tradizionale sabbia e ghiaia.

Nel corso della riduzione delle dimensioni si forma anche una parte di granulato misto fine. Per motivi legati alla tecnologica del calcestruzzo, questa parte può essere solo parzialmente utilizzata nel calcestruzzo da costruzione. Finora veniva in genere stoccata in depositi dei rifiuti o impiegata in utilizzi del calcestruzzo subordinati, cosiddetti non classificati.


3. Produzione del cemento e macinazione con clinker


Sulla base delle più recenti tecnologie Holcim ha sviluppato una soluzione per riutilizzare la parte fine del granulato misto trattato per la produzione del nuovo cemento Susteno. Grazie a questa innovazione Holcim è in grado di chiudere un ulteriore ciclo del materiale da costruzione, utilizzando meno risorse naturali, risparmiando spazio nei depositi dei rifiuti e riducendo le emissioni. Questo primo cemento a basso consumo di risorse rappresenta un grande passo verso l’edilizia sostenibile.

Holcim Susteno 4 è un cemento Portland composito svizzero ZN/D 42,5 N certificato conformemente al fascicolo tecnico SIA 2049 composto da clinker di cemento Portland, misto granulare trattato nonché scisto calcinato e gesso. Grazie a Susteno è disponibile un cemento ecologico e tecnicamente affinato per ottenere la massima qualità in tutti gli impieghi del calcestruzzo nell’ingegneria edile.


4. Produzione del calcestruzzo e nuove costruzioni


Holcim aggiunge un ulteriore passaggio, utilizzando il cemento Susteno nei calcestruzzi della nuova famiglia Evopact. Così è il cliente a decidere il grado di impiego di materiali riutilizzati.

La famiglia di calcestruzzi Evopact può essere utilizzata per tutti gli impieghi del calcestruzzo nell’ingegneria edile. Il campo di applicazione comprende tutti i tipi correnti di calcestruzzo, in particolare il calcestruzzo da aggregati riciclati, il calcestruzzo a vista e il calcestruzzo per componenti edili massicce. Attraverso il riutilizzo di alta qualità del granulato misto trattato nel cemento Susteno, la famiglia di calcestruzzi Evopact, realizzata con esso, vanta un potenziale straordinariamente elevato in fatto di sostenibilità.




Storie di Susteno ed Evopact



Economia circolare Evopact Innovazione Susteno

Contattateci

Contatta

Seguiteci

    • Downloads
    • Contatti
    • Sedi