HomeArrowAttualitàArrow Nuovo cemento sostenibile per Ginevra

Nuovo cemento sostenibile per Ginevra

10 Novembre 2021

Sempre più cantieri usano materiali da costruzione ecologici. Per la ricostruzione di tre edifici residenziali nel cuore di Ginevra, il calcestruzzo sostenibile EvopactPLUS di Holcim Svizzera, recentemente lanciato nella Svizzera francese, si è rivelato la soluzione. Questo calcestruzzo non solo aiuta a preservare le risorse naturali e lo scarso spazio nelle discariche, ma produce anche il 10% in meno di emissioni di CO2 rispetto al calcestruzzo di massa svizzero standard, che è già a bassa emissione di carbonio.



Per la ricostruzione di tre palazzi di 7 piani in rue des Maraîchers, nel centro di Ginevra, l'Hospice général (l'istituzione di assistenza sociale di Ginevra) si è posto una sfida ambiziosa: combinare l'edilizia popolare con lo sviluppo sostenibile. Per ottenere questo, il pilota dell'operazione (il servizio immobiliare dell'Hospice Generale) e l'impresa di costruzione incaricata del cantiere (csc costruzioni sa, gruppo Webuild) hanno optato per materiali locali ed ecologici.

Un cemento sostenibile e locale

Il calcestruzzo sostenibile EvopactPLUS era la soluzione. Lanciata da Holcim nella Svizzera francese in primavera, la gamma di calcestruzzo sostenibile Evopact preserva le risorse naturali, aiuta a risparmiare lo scarso spazio nelle discariche ed emette il 10% in meno di CO2 rispetto al calcestruzzo di massa svizzero standard, che è già a basse emissioni di carbonio. Evopact è prodotto con il cemento sostenibile Susteno, il primo in Europa a utilizzare materiale proveniente da edifici demoliti come additivo. EvopactPlus ha il vantaggio di sostituire la ghiaia naturale con aggregati riciclati, conservando così ulteriormente le risorse.
Inoltre, l'enfasi è stata posta sull'approvvigionamento locale di materiali da costruzione dalla regione di Ginevra. Il calcestruzzo è prodotto e consegnato dalla fabbrica di calcestruzzo Holcim di Vernier, situata a soli 5 chilometri dal cantiere, utilizzando aggregati provenienti dalla demolizione di edifici riciclati presso la Société Romande de Recyclage (SRREC) di Satigny.

Qualità al rendez-vous

Per questo ambizioso progetto sono stati consegnati 4.200 metri cubi di EvopactPLUS, su un totale di 8.400 metri cubi di calcestruzzo. "Stiamo usando EvopactPLUS sia per il getto delle lastre che per le pareti dei tre edifici. L'uso del 50% di calcestruzzo riciclato era un prerequisito per il cliente per soddisfare i requisiti di sostenibilità del marchio Minergie-P-ECO", afferma Yannick Bron, direttore dei lavori alla Claudio D'Orlando SA.
Per questo, l'azienda ha potuto contare sulle soluzioni e sull'esperienza di Holcim in questo settore. Il risultato è all'altezza delle aspettative del cliente: "Sia in termini di realizzazione che di risultato finale, il risultato è perfetto", afferma Yannick Bron. "La realizzazione è simile a quella di un calcestruzzo non riciclato della stessa classificazione."

Il risultato di una collaborazione efficace

Questo progetto è anche il risultato di una stretta collaborazione con il centro di innovazione di Holcim per sviluppare un prodotto con le stesse caratteristiche di durata e classificazione del calcestruzzo standard della stessa classificazione. "L'adozione da parte dei nostri clienti di un prodotto sostenibile come EvopactPLUS è un segnale forte per lo sviluppo dell'economia circolare nel settore delle costruzioni a Ginevra", afferma Jean-Pierre Allegret, responsabile tecnico-commerciale di Holcim Bétons et Granulats SA.

image

image

image

image
Fotomontaggio: Gruppo DLLP


Calcestruzzo Economia circolare Ingegneria edile Progetto di riferimento Sostenibilità
  • Servizio clienti

    • Downloads
    • Contatti
    • Sedi
  • Informazioni legali

  • Holcim Svizzera